Riscalderesti di meno la tua casa per contrastare la febbre del pianeta? Partecipa all’inchiesta di OpinionCity di Gennaio

Calore e inquinamento

Per rispondere al nostro quesito, se sei già iscritto ad OpinionCity puoi cliccare qui. Hai tempo fino al 19 Gennaio.

 

“Non chiederti cosa può fare il mondo per te, ma cosa puoi fare tu per il mondo”

Riscaldamento domestico e qualità dell’aria: ancora un tema di grande attualità e che ci tocca tutti da vicino. La nostra community, sempre sensibile ai problemi dell’ambiente, si propone l’obiettivo di contribuire alla sensibilizzazione verso uno sviluppo veramente sostenibile. E tu che cosa saresti disposto a fare o a cosa saresti disposto a rinunciare per contribuire alla salvaguardia del pianeta?

Il quesito

L’inverno è ormai arrivato, le temperature si sono abbassate e i termosifoni di case e uffici sono in funzione, procurandoci un piacevole tepore in tutti gli ambienti. Tuttavia, forse non tutti sanno che il riscaldamento domestico è una delle principali fonti di inquinamento urbano e contribuisce notevolmente al surriscaldamento globale, risultando addirittura più inquinante della mobilità urbana privata, cioè le autovetture dei cittadini, e della produzione di energia elettrica.

Allora, se siamo tutti responsabili della qualità dell’aria che respiriamo e se temperature troppo alte in casa così come negli uffici e nei negozi rappresentano non solo un grosso spreco a livello economico ma anche un comportamento scorretto dal punto di vista della ecosostenibilità, è giunto il momento di chiederci: cosa è disposto a fare ciascuno di noi?

Il tema dell’inchiesta

Ormai è noto che i cambiamenti climatici sono legati alla emissione di gas serra nell’atmosfera ma forse non tutti hanno preso coscienza che una buona percentuale di questi gas deriva proprio dal riscaldamento domestico. L’anidride carbonica, che rappresenta il 75% dei gas serra, deriva dalla combustione di combustibili fossili (carbone, petrolio, gas naturale) cioè proprio quelli che vengono utilizzati per riscaldare le nostre case, oltre che per far muovere auto e mezzi pubblici e per produrre energia elettrica.

L’unico modo per evitare, quindi, che sul nostro pianeta i cambiamenti climatici diventino irreversibili è quello di ridurre tali emissioni.

Allora, quale sarebbe la temperatura ideale per assicurarci un buon confort termico senza creare eccessivi danni all’ambiente? Quali sono le normative attuali? La tecnologia ci può essere d’aiuto? Cosa possiamo fare nei nostri condomini contro i “furbetti del termostato”? Questo e molto altro nel nostro reportage di Gennaio.

E tu cosa ne pensi? Raccontaci la tua esperienza, dacci la tua opinione e partecipa alla nostra inchiesta.

Come partecipare

Tutti coloro che parteciperanno riceveranno 1 punto. Scopri tutti i modi per ottenere punti in OpinionCity.

Per rispondere al nostro quesito, puoi cliccare qui. Hai tempo fino al 19 Gennaio.

Se invece non sei ancora iscritto, registrati gratis qui.

Quando pubblicheremo i risultati?

Quale sarà l’opinione degli altri cittadini di OpinionCity su questo tema? Lo scoprirai il 22 Gennaio, data in cui pubblicheremo un breve reportage con i risultati di questa inchiesta.

Riscalderesti di meno la tua casa per contrastare la febbre del pianeta? Partecipa all’inchiesta di OpinionCity di Gennaio ultima modifica: 2020-01-08T10:00:58+01:00 da Marcello De Stefano

44 commenti a “Riscalderesti di meno la tua casa per contrastare la febbre del pianeta? Partecipa all’inchiesta di OpinionCity di Gennaio”

  1. Non rinuncerei a ridurre il riscaldamento in casa perché a malapena arrivo a 18 gradi quando è tanto, quindi no! Sono già abbastanza al freddo😉

  2. Anna Luisa says: 8 Gennaio 2020 at 16:08

    A casa la temperatura media è 15 gradi. Utilizzo in modo molto oculato il riscaldamento. Da svariati anni cerco di evitare e contrastare la febbre del pianeta.

    • Gia riscaldo al minimo la mia casa…preferisco mettere qualche maglia in più a dosso che accendere i riscaldamenti …se però la temperatura in casa scende sotto i 17 accendo non vorrei morire dal freddo

  3. Fiorelli Loredana says: 8 Gennaio 2020 at 16:22

    Ho sempre tenuto il riscaldamento a temperature normali, cercherò sempre di aiutare il pianeta anche con altri accorgimenti, ne abbiamo solo uno 🙂

  4. Non saprei se rinunciare, in quanto alcuno mesi dell’anno le temperature sono veramente basse ed in casa si gela..ma potrei trovare delle
    Soluzioni per salvaguardare il pianeta

  5. Riscaldo già il necessario la mia casa. Tengo sempre i caloriferi a 19.5.
    Ho messo gli infissi nuovi 4 anni fa proprio per questo motivo.

  6. Io ho già adeguato la mia casa al NON spreco con infissi nuovi. Ma mi da tremendamente fastidio lo spreco che si può vedere in quegli uffici dove non puoi neanche entrare dal caldo e magari poi aprono le finestre perché anche loro non possono stare.. è pazzesco. Questi sono sprechi e inquinamento..

  7. Già lo faccio .Sono fortunata che abito sopra un forno e in inverno non accendo mai i termosifoni e la casa è calda lo stesso.

  8. Mi piacerebbe ma gia la casa non è caldissima cerco di resistere metto maglioni ,ma partendo da 15 e anche meno arrivo dopo un bel po di tempo a 18/19 e spengo.. Ho doppi vetri, in casa infissi in legno ma che chiudono bene , però quando fa freddo non c’è nulla da fare!

  9. Già lo faccio quando esco di casa spengo i caloriferi e quando sono in casa non supero mai i 18 gradi ,comunque mi da molto fastidio che noi privati cerchiamo di economizzare mentre quando vai nei centri commerciali , nei uffici ti devi spogliare dal troppo caldo,

  10. mi sono trasferita in campagna, per evitare aggregati inquinanti e mi riscaldo con pellet e legna,su cui cuciniamo evitando utilizzo di gas. La casa su due piani si scalda solo sotto e il calore salendo scalda le camere .Un buon piumone e si dorme a 16 gradi

  11. La mia temperatura in casa e di 20° , abito al primo piano con i garage sotto , mi dispiace non abbasso di più per che siamo tutti freddolosi e ci ammaliamo subito . Devono pensare i istituti ad abbassare la temperatura per che tengono al di sopra di 24°( praticamente stai in canottiera in periodo invernale .

  12. Alessandro says: 9 Gennaio 2020 at 13:40

    Si, contribuisco a riscaldare meno il pianeta usando il minimo possibile i termosifoni. Personalmente ho una casa piccola che si riscalda in poco tempo, e di mio sono poco freddoloso. Preferisco un paio di calze di lana a un calorifero acceso. La notte mi basta accendere la coperta termica per mezz’ora per dormire tranquillo.

  13. io tengo sempre massimo 18 gradi..non siamo noi a casa a diminuire le temperature in casa..MA GLI UFFICI !!! ci lavoravo..facevo le pulizie e c’erano sempre minimo 22 gradi !!!

  14. simona sportelli says: 9 Gennaio 2020 at 14:36

    Non riscaldo mai casa mia perché l’aria calda dopo 10 minuti mi fa stare male,quindi meglio il freddo…

  15. in casa mia la temperatura non arriva mai a 20 gradi, potrei abbassarla leggermente ancora, penso si potrebbe abbassare soprattutto quella degli uffici pubblici

  16. Si! Li accendo solo in casi estremi, giusto il tempo di riscaldare casa… meglio una coperta sul divano e un bel piumino ultra caldo sul letto.

  17. Certo che sì
    Già adesso utilizzo poco i riscaldamenti e prediligo una bevanda calda per non soffrire il freddo.
    Altrimenti gioco con i bimbi o faccio faccende in casa.
    Davanti la TV una calda copertina e addio riscaldamento

  18. Daniela Talamonti says: 10 Gennaio 2020 at 11:12

    Per fortuna ho il camino quindi la casa la riscaldo con quello, accendo i riscaldamenti solo due ore il pomeriggio per i bambini e sempre non oltre i 20 gradi

  19. İo davvero il riscaldamento non lo accendo mai, a meno che fuori non ci siano 0gradi….
    Ma voglio vedere quante persone farebbero lo stesso… Secondo me, tutti diranno si, e nessuno lo farebbe mai

  20. Nella mia casa abbiamo scelto di usare energia alternativa e cmq teniamo una temperatura sui 19 20 gradi solo in bagno e in cucina sala il resto dei termosifoni sono chiusi. Cerchiamo nel ns piccolo di fare qualcosa nella speranza di non essere una goccia nell’oceano.

  21. Da anni tengo una temperatura non alta in casa, mc copriamo bene e il gioco è fatto.
    Non usiamo mai bicchieri, piatti e posate in plastica e neppure vaschette in alluminio
    Insomma cerchiamo di fare del nostro meglio

Rispondi o commenta

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.