Etnografia e … merendine al cioccolato

Etnografia

A Roma una ricerca etnografica sulle merendine al cioccolato ha coinvolto 15 famiglie che sono state osservate nella loro realtà quotidiana per poter scoprire le dinamiche che le guidano nella scelta, nell’acquisto e nel consumo. Ma che cos’è una ricerca etnografica e come si svolge ? Scopritelo insieme a noi!

Un incontro molto ravvicinato … con il consumatore

Il manager di una grande azienda ha veramente idea di chi sia il suo consumatore tipo? Stando seduto dietro una scrivania ed esaminando dati numerici sulle vendite, può formarsi un’idea corretta su chi sia il suo utente finale, dove vive, che fa, di che si occupa e che cosa lo porta a scegliere il suo prodotto o quello di un suo concorrente? Non sarebbe utile di tanto in tanto uscire dagli uffici ed andare a osservare dal vero chi sono i consumatori e che cosa li motiva all’acquisto?

E’ esattamente quello che è stato fatto di recente a Roma in un interessante lavoro di ricerca di mercato svolto da Test Point. Sono state selezionate 15 famiglie che abitualmente consumano merendine al cioccolato di una nota marca. L’intervistatrice/osservatrice si è recata a domicilio e ha osservato attentamente il contesto, la casa, la cucina, gli scaffali dove i prodotti sono conservati, ha studiato la famiglia nel momento della colazione del mattino, ha seguito la mamma mentre preparava la merenda da riporre nello zainetto del bambino.

Poi ancora ha seguito la padrona di casa nelle normali attività del mattino e la ha accompagnata al punto vendita per la spesa osservando la modalità di scelta e i comportamenti di acquisto. Si trattava, in sostanza, di seguire la routine quotidiana della famiglia per capire come l’ambiente possa influire sulle scelte di acquisto.

Insomma, in questo tipo di ricerca di mercato, nota come ricerca etnografica con un termine mutuato dall’antropologia culturale, il ricercatore diventa una specie di “telecamera vivente” con lo scopo di osservare e registrare i comportamenti che conducono all’acquisto, focalizzando l’attenzione sull’influenza che può avere l’ambiente sui consumatori.

Durante la loro visita gli osservatori hanno affiancato le famiglie nella loro giornata, in casa, per strada, in ufficio, sui mezzi pubblici, nei punti vendita, hanno preso appunti, filmato qualche momento della giornata, scattato delle fotografie, senza che le famiglie selezionate sapessero quale fosse l’oggetto preciso dell’osservazione: gli osservatori si sono mantenuti il più possibile neutrali ed evasivi se venivano poste loro domande specifiche.

Sotto la lente di una Candid Camera

Nel corso di questo tipo di ricerche, manager e ricercatori, anche un gruppo di quattro o cinque persone, trascorrono una mezza giornata o anche una giornata intera insieme ai soggetti selezionati per lo studio, immergendosi profondamente nelle loro vite, osservandone abitudini e comportamenti.

Insomma, la ricerca funziona come una specie di Candid Camera, o di Grande Fratello, se preferite, che studia abitudini e comportamenti nel loro ambiente naturale.

Come potete facilmente immaginare, non è proprio facilissimo per l’osservatore lavorare mantenendosi quasi ”trasparente” per non mettere in imbarazzo chi si sente osservato e non influenzare i suoi comportamenti, così come non è facile per la famiglia oggetto di studio mantenere un comportamento naturale e disinvolto.

Tuttavia, con questa metodica è possibile ottenere risultati più profondi, ricchi e convincenti rispetto a quanto si possa fare con metodi di ricerca tradizionali.

Il primo passo

Le ricerche etnografiche vengono svolte su un campione molto piccolo e non hanno un valore statistico: spesso rappresentano solo una primissima fase di una ricerca di mercato più ampia che verrà poi svolta successivamente con altre metodiche.

In questo modo, però, si riesce ad entrare nella vita delle persone e a capire ciò che fanno, ciò che scelgono e come e perché lo scelgono, aiutando a scoprire l’universo psicologico dei consumatori e le emozioni che vengono associate ad un prodotto.

Partecipa anche tu ai nostri test

Partecipare ad un test può essere molto interessante e stimolante.
Partecipando ai test, alcuni con invio gratuito di prodotti a domicilio, altri presso le nostre location, si ha la possibilità di valutare prodotti cosmetici, prodotti alimentari, tecnologici e di tante altre tipologie.

Dopo aver provato i prodotti, vi verrà semplicemente chiesto di compilare un questionario (a volte cartaceo, a volte online) in cui esprimere sinceramente, in forma anonima, le vostre opinioni. In questo modo, ognuno di voi ha la possibilità di “dire la sua”, offrendo alle aziende l’opportunità di realizzare prodotti sempre più adatti alle vostre esigenze.

Diventa cittadino di OpinionCity!

Vuoi diventare anche tu un tester di prodotti di vario genere, ricevendo i campioni gratuitamente a casa tua? Vuoi offrire la tua opinione alle aziende contribuendo alla realizzazione di prodotti più vicini ai tuoi gusti?

E’ semplice: iscriviti alla community di Opinion City e sarai contattato per partecipare ai nostri product test!

Etnografia e … merendine al cioccolato ultima modifica: 2019-03-13T10:00:33+00:00 da Marcello De Stefano

26 commenti a “Etnografia e … merendine al cioccolato”

  1. Amo le merendine al cioccolato,essendo iscritta da un po di tempo,ad opinion city ,credo che lo stato psicologico di una persona,al riguardo delle merendine,sia alquanto complesso,io scelgo le merendine a secondo ,non della marca ma, se sono tanto ripiene, e un gusto unico extra sensoriale

  2. Ho 3 bambini pronti a testare merendine golose consumate non in modo eccessivo io le tengo sempre e di qualsiasi gusto perche con 3 figli e noi adulti…

  3. Amo il cioccolato,quand o mi sento giu vado subito a preparare un bel.dessert al.cioccolato.da condividere con i miei cari….perché le coccole devono essere per tutti.

  4. Mio marito non può fare a meno delle merendine al cioccolato. Ho partecipato solo una volta provando prodotti a casa e lo rifarei se ne avessi la possibilità…

  5. Mi è piaciuto molto questo articolo, non ero a conoscenza di questa forma diretta di contatto con il consumatore; penso che sarebbe una bella esperienza soprattutto perché non lavoro e dedico molto tempo alla casa, alla spesa e quindi alla scelta di prodotti validi e magari anche in offerta. Speriamo possa capitare in futuro questa occasione anche per me! ☺

Rispondi o commenta

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.