Accompagnali verso una nuova esperienza …in silenzio

Accompagnali verso una nuova esperienza

 

Rispettando gli altri rispetti te stesso

Parte oggi, e andrà avanti per i prossimi mesi, la campagna di comunicazione di OpinionCity “Rispettando gli altri rispetti te stesso”. La nostra community intende così confermare il proprio impegno nel diffondere il rispetto per gli altri e le regole del buon vivere. Unisciti a noi!

Bimbi in spiaggia? Regole e consigli per un’estate nel segno dell’educazione e del rispetto

Quale bambino non ama trascorrere al mare le proprie vacanze? L’acqua, la sabbia, la libertà di non dover badare a non sporcarsi, rappresentano attrattive uniche per un bimbo. Ma dobbiamo lasciare libertà assoluta (per guadagnarci i nostri meritati spazi di relax) o anche in vacanza dobbiamo imporre delle regole?
Certamente delle regole vanno stabilite. Ma, ricordiamo, le regole sono “ricette” sul come si fa. I bambini non sanno come si fa. Sta a noi insegnarlo!

Approfittiamo delle vacanze per veicolare sane abitudini di buona educazione.

Anche la spiaggia ha le sue regole di buona educazione che è bene insegnare ai bambini proprio approfittando delle vacanze:

  • Non gridare: se i bambini alzano troppo il tono di voce, bisogna dir loro di moderare il volume spiegando che per gli altri può essere fastidioso. Ovviamente per farli tacere bisognerà evitare di alzare la voce a nostra volta: il bambino apprende per imitazione e l’esempio vale più di qualsiasi imposizione. Non disturbiamo il sonno del vicino noi per primi!

  • Non sporcare: carte, avanzi di cibo, lattine, bottigliette! Educhiamo i figli a portare via tutti i rifiuti dalla spiaggia. Il rispetto per l’ambiente inizia da questi piccoli e significativi gesti.

  • Non tirare o sollevare sabbia: è bello giocare con la sabbia, ma farla volare da giocattoli o da teli mare, proprio non va! Insegniamo ai bimbi a non sollevare sabbia anche quando corrono sull’arenile.

  • Evitare di fare i bisogni in mare: il mare non è un water o una discarica, quindi cerchiamo di insegnare ai bimbi a usare i bagni pubblici, per rispetto verso gli altri e verso l’ambiente.

  • Evitare giochi violenti o rumorosi: anche il gioco può essere un’occasione per trasmettere il rispetto per sé e per gli altri. I giochi senza controllo non fanno bene ai bambini né a chi sta loro intorno.

Giochi divertenti con mamma e papà

Ovviamente non possiamo tenere i bambini seduti tutto il tempo ma possiamo certamente fare in modo che si divertano e si godano la loro estate al mare nel rispetto del prossimo.
Che giochi proporre? Ce ne sono tanti, all’ intramontabile costruzione di un castello di sabbia con paletta e secchiello ai giochi in acqua con altri bimbi o con mamma e papà: non servono troppi giocattoli per tenere impegnati i bambini durante le giornate in spiaggia.
Qualche suggerimento:

  • Aquilone. Inseguire un aquilone correndo sulla sabbia è un gioco magico per i bambini. L’ora migliore per farlo volare? Al tramonto, quando la spiaggia si svuota e la brezza fa compiere all’aquilone strabilianti evoluzioni nel cielo.

  • Biglie. E’ un gioco che piace sempre a grandi e piccini. Basterà tracciare una pista sulla sabbia, scegliere la biglia del colore preferito e sfidarsi a chi arriva primo al traguardo.

  • Pallavolo in acqua. Anche le sfide di pallavolo in acqua possono essere divertenti per i bambini, soprattutto insieme a mamma e papà. Tra tuffi per afferrare la palla e bracciate per andare a recuperarla, sarà un buon allenamento anche per chi sta imparando a nuotare.

  • Pescare con il retino. Raccogliere conchiglie, granchietti o pesciolini (da lasciare poi liberi), è per i bimbi, sempre affascinati dal mondo animale, un’emozione grandissima.

  • Racchettoni. Se i bambini sono più grandicelli, potranno passare il tempo sulla spiaggia anche giocando a racchettoni in riva al mare. Si potrà fare così attività sportiva e abbronzarsi però senza mai dimenticare una buona protezione solare.

  • Tiro alla fune. Un bel gioco da fare in gruppo sulla spiaggia o nel bagnasciuga è anche il tiro alla fune. Basta dividersi in due squadre e procurarsi una fune. Divertimento assicurato!

Soprattutto, evitiamo i giochi elettronici e approfittiamo del tempo libero per giocare con i nostri bimbi. GIOCHIAMO CON LORO! Diventiamo bambini insieme a loro… Insegniamo loro ad ascoltare le onde del mare, il rumore della sabbia sotto i piedi…

E tu cosa ne pensi?

Cosa pensi che debba essere la vacanza per tuo figlio? Confrontati con altre mamme

  • Pensi che sia utile/necessario sensibilizzare le famiglie all’educazione dei bimbi in spiaggia?

  • Quali suggerimenti ti sentiresti di dare per migliorare la qualità della vacanza quando ci sono dei bimbi ?

Hai trovato interessante questo articolo?

Puoi condividerlo con i tuoi amici oppure lasciare un commento in basso. La tua opinione ci interessa molto. Continua ad andare alla scoperta delle notizie sulla nostra “city” attraverso le diverse sezioni del nostro blog ed agli articoli che abbiamo pubblicato.

Sei già iscritto ad OpinionCity?

Se non sei ancora iscritto puoi farlo gratuitamente oppure puoi presentarci un amico. Parteciperai così ai nostri test di prodotto e potrai darci la tua opinione sui prodotti che consumi ogni giorno, aiutando così le aziende a renderli sempre più adatti a soddisfare i gusti e le esigenze dei consumatori.

Accompagnali verso una nuova esperienza …in silenzio ultima modifica: 2017-08-30T10:39:35+00:00 da Marcello De Stefano

18 commenti a “Accompagnali verso una nuova esperienza …in silenzio”

  1. Penso che insegnare l’educazione ai propri figli si fondamentale ,per se stessi e sopratutto per i gli altri.Purtroppo da un po di tempo l’educazione è svanita.Se ad un adulto mancano le regole di comportamento è ovvio che un bambino si comporti come i loro esempi.

  2. Bentornati! L’educazione sta alla base di tutto: promuoverla e insegnarla ai bimbi e’ fondamentale. Oggigiorno, purtroppo, certe elementari regole della buona educazione non esistono più, pertanto, qualunque iniziativa atta a promuoverla è lodevole!!!

  3. Credo che non ringrazierò mai abbastanza i miei genitori per avermi insegnato il rispetto e l’umiltá verso ciò che mi circonda…percui secondo me è fondamentale che i genitori insegnino questo ai loro figli li faranno diventare persone migliori in un futuro

  4. Purtroppo viviamo in una società maleducata: dalla gente che parcheggia sulle striscie o sui marciapiedi fregandosene di carrozzine e passeggini, gente che fa i propri bisogni per strada, gente che butta cartacce in giro o dal finestrino della macchina…cosa pretendiamo da un bambino che impari l’educazione da solo?? Devono essere i genitori ad impartirla, ma se questi sono maleducati, a loro volta insegneranno maleducazione ai propri figli. Per fortuna i bambini sono molto intelligenti, più degli adulti, confido che grazie all’informazione e all’insegnamento siano loro ad insegnare l’educazione ai propri genitori che non l’hanno.
    L’articolo mi piace molto e trovo molto bella l’iniziativa, chi come me ha avuto una buona educazione alle spalle, ovviamente lo trova quasi “scontato”.

  5. Credo fermamente nei valori e conseguenza di ciò è’ il rispetto degli altri …. Senza grandi sforzi “solo ” comportandosi civilmente si potrebbe migliorare di molto la qualità della vita sociale !😉

  6. Credo che l’educazione sia la base per una vita serena e sapersi comportare davanti alla società sia un ottimo biglietto di presentazione.La vita in spiaggia dei bambini deve essere vissuta in totale libertà senza regole troppo rigide ma nel rispetto degli altri e di se stessi.Giocare con i propri figli in spiaggia credo sia il più bel regalo che si possa fare loro,specialmente per quei genitori che lavorano tutto l’anno e possono dedicare un po’ del loro tempo solo in questa occasione….saranno ricordi che non cancelleranno mai😊

  7. credo che l’educazione sia alla base di tutto,ma quando si va al mare con i bambini di solito c’è più confusione ,e per questo che spesso scelgo le spiagge apposta per loro e attrezzate apposta con vari giochi e piene di bambini cosi sono sicura di non dare fastidio a nessuno

  8. L’educazione è un valore essenziale per rapportarsi in maniera sana con altri nella vita quotidiana. Ahimè noto che gli adolescenti non hanno la stesso modo di comportarsi anche nei piccoli gesti, perché i genitori in primis sono maleducati e prevaricatori. L’articolo è ben fatto e riassume quello che molti di noi si aspetterebbe di trovare in spiaggia, ma non sempre succede. È vero anche che un bimbo lo si perdona ma si guarda con fastidio il genitore disattento nei modi.

  9. Credo che sia davvero utile sensibilizzare la gente su questo argomento…noi ci siamo divertiti molto in spiaggia con i bimbi a farli giocare con la sabbia senza disturbare gli altri,purtroppo non tutti lo fanno….per migliorare io direi di perdere del tempo a giocare con i propri figli specialmente in vacanza così passeranno giornate liete da ricordare senza disturbare gli altri perché non ne avrebbero il tempo.

  10. ..articolo bellissimo! In spiaggia con i miei bambini ho giocato tanto e insieme a loro abbiamo cercato di mantenere il posto pulito e bello x tutti.. speriamo che i miei piccoli facciano tesoro di quanto hanno visto e soprattutto vissuto

  11. L’educazione è una cosa importantissima, basta poco per vivere nel rispetto delle altre persone, purtroppo però è una cosa che molti stanno scordando o ancora peggio non l’hanno mai conosciuta. Quindi la famiglia è il primo passo ,ma questo da sempre, per insegnare i bimbi e quindi i futuri uomini e donne di domani a comportarsi in modo educato e rispettoso nei confronti degli altri e non solo.

  12. L’educazione dovrebbe far parte del bagaglio culturale che tutti dovrebbero avere. Se questo manca già alla base,è un disastro.Nella nostra società si può notare come stia venendo meno questo valore che per me è al primo posto della relazione con il prossimo. Per questo alle mie figlie,fin da piccole ho insegnato loro il rispetto per tutti:persone,cose,animali e specialmente per la natura.

Rispondi o commenta

Your email address will not be published.